Tado° rende intelligente il vecchio condizionatore.

Essenziale e discreto Tado°, un progetto dell’omonima azienda tedesca, promette di rendere smart e collegato a internet non solo il vecchio condizionatore con telecomando a infrarossi ma, grazie al kit d’installazione e all’applicazione per smartphone, tablet e web, anche l’impianto di riscaldamento comandato dal vecchio cronotermostato.

Tado°, infatti, sostituisce il “vecchio” telecomando del climatizzatore con una nuova unità dotata di sei diodi emettitori a raggi infrarossi in grado di coprire un angolo di 180° in orizzontale e in verticale. L’unità, naturalmente, include il sensore di temperatura e quello di umidità abbinati a un pannello capacitivo per il controllo manuale e al display a matrice di LED in grado di fornire tutte le informazioni solo quando le desideriamo.

Tado°, inoltre, si collega a internet usando la nostra rete Wi-Fi in modo da poter essere agevolmente controllato dallo smartphone o dal tablet dotati dell’applicazione dedicata oppure di essere comandato da remoto con un’applicazione web. Per consentire di regolare le temperature delle stanze in base alla nostra posizione in casa, Tado°, grazie alla tecnologia Bluetooth smart, si accoppia allo smartphone in modo da rilevarne la posizione e agire di conseguenza.

Grazie all’App dedicata è possibile impostare i parametri di funzionamento di Tado° e delle singole unità del climatizzatore e avere, immediatamente, informazioni che si riferiscono al suo stato. Abbiamo visto che il Bluetooth è in grado di intercettare i nostri movimenti, o meglio quelli dello smartphone, quando siamo in casa e agire di conseguenza. Aggiungiamo a questo che il servizio di geolocalizzazione utilizzata ci consente di impostare il sistema in modo che l’impianto si spenga quando siamo usciti da casa e si riaccenda quando siamo in procinto di tornare in modo da avere sempre l’ambiente alla temperatura preferita.

Oltre a migliorare il benessere in casa, Tado° consente di ottimizzare l’uso del climatizzatore domestico risparmiando sui consumi di energia elettrica e, nella versione per riscaldamento, quello del combustibile. A differenza di un normale cronotermostato, infatti, regola l’impianto tenendo conto della presenza di persone in casa in modo da evitare di rinfrescare una casa vuota se siamo assenti.

Tado

admin
  • Scrittore e Blogger
Suggerisci una modifica