Hardware Open Source: gli anti Arduino

Il mondo dell’elettronica Open Source si sta rapidamente evolvendo grazie anche alla comparsa sul mercato di dispositivi a basso costo, facilmente interfacciabili e quasi altrettanto rapidamente programmabili.

Il successo di Arduino è un chiaro esempio di come una comunità ben organizzata e ben seguita possa, in tempi relativamente brevi, rendere un’idea un vero e proprio successo commerciale.

I molti tentativi di clonare il progetto, anche se hanno prodotto hardware di buona qualità, non hanno avuto lo stesso successo forse proprio a causa della mancanza di una comunità di sviluppatori pronti a confrontarsi con i più esperti ma anche con i neofiti meno smaliziati.

Ma sul mercato iniziano ad affacciarsi sistemi che si discostano dal progetto Arduino e, pur essendo hardware in grado di fare moltissime cose nel campo della domotica e della robotica, restano semplici da gestire e programmare come lo è Arduino.

Al primo posto mettiamo, anche se i ritardi nei tempi di consegna non ci consentono di provarlo “sul campo”, il Raspberry PI, il micro PC basato su linux che, grazie allo sviluppo di una propria interfaccia dedicata, potrebbe consentire di ottenere, a basso costo, sistemi hardware complessi ma programmabili con relativa facilità e che manterrebbero inalterata tutta la potenza del PC.

Nel frattempo anche in casa Microsoft qualcosa inizia a muoversi grazie alla scheda Microsoft .NET Gadgeteer, un dispositivo hardware low cost (il modulo base costa intorno agli 80 dollari) programmabile con gli IDE gratuiti Visual Studio .NET Express di Microsoft. Il progetto è distribuito con licenza Apache 2 per il codice sorgente e con una licenza hardware Creative Common uguale a quella già adottata in casa Arduino.

Certamente Arduino mantiene il primato ed ha sopratutto il merito di aver aperto un nuovo mercato sul quale iniziano a muoversi, con relativa facilità, moltissimi sperimentatori che possono, senza investire capitali e con un bassissimo rischio, verificare la possibilità di realizzare in pratica le loro idee più rivoluzionarie.

admin
  • Scrittore e Blogger
Suggerisci una modifica